l’unitarianesimo ci mostra che la vita e’ un “dono” di unita’  e  possibilita’ presenti,  l’universalismo che essa e’ un “segno” di unita’ e possibilita’ future. Ed e’ evidente che le due cose sono complementari: senza il “segno” l’esercizio del dono non ha una direzione, senza il “dono” la prospettiva del segno non puo’ essere percepita e perseguita.

Annunci