Roy Wood Sellars è nato a Seaforth, Ontario, Canada nel 1880.Era il secondo figlio di Ford Wylis e Mary Stalker Sellars. Aveva un’ascendenza notevole, prevalentemente Scozzese.I Sellars vennero originalmente dalla regione di Glasgow nella Scozia, migrando prima alla Nova Scozia e poi nella Canada Superiore (Ontario).Qualcuno di loro si è sposato nell’esima famiglia Wood. Roy è entrato nell’Università di Michigan nel 1899.Ha lavato i piatti per il suo vitto durante il suo primo anno, e poi, con il suo fratello, ha cucinato per sé.

Nel 1904 gli fu offerto un posto di insegnamento di filosofia all’Università del Wisconsin. Sellars ha trascorso l’anno accademico 1909-1910 in Europa.Ha discusso con  Henri Bergson la possibilità di un tipo naturalistico emergente di evoluzione.Ma Bergson lo ha presentato al vitalista scientificamente istruito, Hans Driesch, con cui ha poi studiato a Heidelberg. I ricordi di Driesch non sono presenti nelle memorie di Sellars; ma ha avuto discussioni personali con lui e ci sono pochi dubbi che Driesch gli ha indicato delle specifiche significative nella fisiologia.

Sellars è tornato all’insegnamento con un corso notevole nella filosofia della scienza. “Qualche volta abbiamo usato il Naturalismo e l’Agnosticismo di Ward ma anche Thomas Henry Huxley, Erich Mach, Jules Henry Poincare, e Pearson,” ricordò Sellars.Molti dei suoi studenti erano studenti postlaureati in fisica, chimica e biologia. Nel frattempo tre sviluppi importanti erano avvenuti.

Nel 1911 ha sposato la sua cugina, Helen Maud Stalker, un donna intelligente e bella che è stata un grande aiuto fino alla sua morte nel 1962. Nei primi anni del loro matrimonio, Helen tradusse L’Evoluzione dei Valori di Bougle per il quale Roy scrisse una prefazione. Nel 1912 e 1913 sono nati i loro due figli: Wilfrid, che sarebbe diventato un filosofo preminente, e Cecily che sarebbe diventata la moglie di un ministro ed una psicologa. L’interesse per la società di Roy prese più forza dal progressismo di LaFollette durante il suo anno a Wisconsin, e la filosofia sociale divenne infatti l’incoronamento o il compimento del suo pensiero.

Nel 1918 Sellars pubblicò The Next Step in Religion, Il prossimo passo nella religione. Il prossimo passo nella religione era un umanesimo completo. Secondo Sellars, storicamente il pensiero religioso è stato pre-scientifico e perciò mitopoietico. L’ora era arrivata per una religione che viene ad un accordo con il mondo dischiuso attraverso la scienza. L’universo della scienza non mostra nessun evidenza di essere creato da un dio, ma tiene valori umani che dovrebbero stare a cuore sia dell’individuo sia della società; e presenta l’opzione di vivere dal punto di vista del tutto e del lungo termine, ed è ciò che costituisce la religione.Che gli uomini vivano quindi come cittadini di un mondo del quale dovrebbero cogliere appieno le opportunità.

Nel 1922, Sellars pubblicò il suo Evolutionary Naturalism, Il naturalismo evolutivo.I maggiori contenuti di questo libro risalirono alla sua tesi di dottorato. E’ stato una pubblicazione epocale. Sia L’evoluzione emergente di Lloyd Morgan che la prima formulazione di Samuel Alexander dell’evoluzione emergente furono pubblicati un anno dopo. Morgan ha aggiunto un allegato al suo volume distinguendo la sua posizione daquella di Sellars.“La mia,” disse quest’ultima, “era più sistematicamente empirica e naturalistica.” Non c’era nessun introduzione di un nisus misterioso o un controllo extra-naturale . Il concetto chiave era l’organizzazione materiale. Morgan disse a Sellars che per quanto sapeva lui, egli (Sellers) è stato il primo di pubblicare qualcosa sull’evoluzione emergente. Nel 1950 Sellars si ritirò dalle sue attività di insegnamento.

Nel 1954 è successo una tragedia nella vita di Sellars.La sua figlia, Cecily, una psicologa che lavorava per lo Stato di North Dakota, è morta in un incidente automobilistico.Le ripercussioni di questa tragedia ha avuto un impatto sulle pubblicazioni di Sellars, anche se è rimasto uno scrittore accademico incessante. A più di novant’anni, stava rivisitando le carte su cui stava lavorando al momento della tragedia.

L’Università di Notre Dame ha la distinzione di aver fornito l’incoronamento della carriera di Sellars. A settembre, 1970, il Dipartimento di Filosofia di Notre Dame ha onorato il novantesimo anno di Sellars con un simposio sulla sua filosofia.I studiosi presenti comprendevano: Andrew J. Reck di Tulane, Wilfrid Sellars di Pittsburgh, e C. F. Delaney di Notre Dame.

Avere un figlio filosofo che estende la filosofia di suo padre è l’incoronamento più grande.Il Professor Sellars è morto il 5 settembre 1973, lasciando un corpus distinto di scritti e un figlio distinto per tenere in alto il nome di Sellars nel mondo della filosofia.E’ stato l’originatore del realismo critico, un evolutionista emergente prima di Lloyd Morgan e Samuel Alexander, un proponente di una teoria di doppia conoscenza e identità del rapporto cervello-mente, uno scrittore originale americano sull’umanesimo religioso e il redattore del Manifesto Umanista.

La filosofia di Sellers preso insieme è una filosofia della scena umana nel suo contesto cosmico. Egli scrive: “Vedo questo piccolo pianeta che gira nello spazio e mi meraviglio della sua storia. Questa non è una fiaba scritta in un libro ma una storia di lotta e di tragedia e di realizzazione.Testardaggine misto con compassione farà molto ma si deve aggiungere l’intelligenza. Questi ingredienti doverebbero produrre la saggezza.Così triangolo ed estrapolo.E’ ovvio che mi interessa la democrazia partecipativa nelle masse, e la crescita della istituzioni internazionali.Il Patriottismo non basta. Ci devono essere risoluzioni di conflitti. E questo è reso possibile da un apertura mentale e da un riconoscimento che è tatticamente saggio accordarsi di non essere d’accordo, e aspettare il tempo.”

di

Ian McCarthy

Annunci