Cari Amici,

Vorrei far presente a voi tutti un grande errore argomentativo di cui abbiamo discusso con alcuni di Voi oggi.

A] Il circolo vizioso

Noi unitariani non possiamo pensare che la Bibbia sia vera citando come fonte la Bibbia stessa per lo stesso motivo per cui un individuo in un tribunale non può essere allo stesso tempo imputato e testimone. Chiunque voglia prendersi la briga di dimostrare la verità della Bibbia, per fare un lavoro scientificamente rilevante non potrebbe citare la Bibbia a testimone della Bibbia stessa. Chiunque dica: la Bibbia è vera perchè lo dice la Bibbia sta solo cercando di fregarvi, poichè dà per assodato ciò che invece dovrebbe dimostrare. E’ come se dicessero: Topolino ha partecipato ai giochi olimpici, l’ho letto sull’almanacco del mese. Ognuno di voi potrà facilmente fare ricerca in merito per informarsi maggiormente su questo errore logico che si chiama petitio principii

B] Il Primato della coscienza

E perchè gli pseudo improvvisati predicatori della porta accanto commettono questo errore? Perchè non si arrendono a una semplice evidenza: ci sono questioni su cui l’essere umano non può essere certo, nel bene o nel male, e parlo dell’esistenza di Dio, dell’anima del paradiso… E’ difficile arrendersi all’impossibilità logica di andare oltre un certo punto… e allora si bara, cercando di dare per scontato ciò che si deve dimostrare. E gli unitariani in tutto questo? Riconoscono l’impossibilità di dimostrare razionalmente alcunchè in materia di fede, ma danno un primato alla coscienza del singolo. Riconoscono che tutto ciò che permette al singolo una esperienza profonda del Divino merita rispetto.  E allora, per dirla con lo splendido gioco di parole del pastor Falasca, gli unitariani riconoscono che la Bibbia è ispirata nella misura in cui ispira Dio in noi. Traducendo per i non avvezzi al Falasca pensiero, la Bibbia non è un fine ma un mezzo, ed è per noi letta autenticamente quando ispira nell’animo dell’individuo sentimenti spiritualmente degni d’attenzione. La verità si riconosce da ciò che ispira nei cuori non da quanto tempo si passa ad urlare versetti

C] La Bibbia e i 7 Principi 

In che modo possiamo valutare se l’interpretazione che stiamo dando è quella corretta? Dal Punto di vista della CUI la risposta è abbastanza semplice. Ecco un esempio di lettura della Bibbia da un punto di vista fondamentalista o liberale alla luce dei Sette Principi

1] Il valore e la dignità intrinseca di ogni persona;
Fondamentalista: Gli uomini sono corrotti e peccatori, solo chi la pensa come me si salverà. Lo dice il versetto x del libro y. Non devo stare a sentire l’infedele, la sua opinione può solo confondermi e sviarmi

Liberale: Ogni animo umano è dotato di talento spirituale, negli occhi di chi incontro ritrovo Gesù o lo Spirito, devo impegnarmi perchè abbia una vita degna, anche se non la pensa come me. Il dialogo migliorerà entrambi

2] la giustizia, l’equità e la compassione nei rapporti umani

Fondamentalista: Non mi importa che quelli che non la pensano come me soffrano,  ben gli sta, è un segno divino che io ho ragione, anzi devo fare un favore a Dio impegnandomi ad eliminare ogni forma di dissenso.

Liberale: Credo che siamo tutti dotati di una scintilla spirituale, credo che tutti dobbiamo coltivarla, io da cristiano lo farò attraverso la Bibbia, altri lo faranno con gli strumenti che la cultura ha messo loro a disposizione. Il creato è un bel giardino ricco di fiori diversi, la bellezza del giardino sta nel fatto che i fiori possano crescere tutti nella massima armonia, devo attivarmi affinchè ogni seme seminato da Dio possa fiorire in pace, senza essere soffocato da altri

3] l’accettazione reciproca ed l’incoraggiamento alla crescita spirituale nelle nostre congregazioni;

Fondamentalista Guai a trovare qualsiasi esperienza diversa dalla mia, il confronto mi terrorizza, la sola fonte sicura è la mia particolare interpretazione della Bibbia, devo attivarmi ad estirpare ogni possibile forma di dissenso. La Bibbia mi dà sicurezza se e solo se tutti la pensano come me, anche una sola voce fuori dal coro devo zittirla, non mi fa dormire, è peccaminosa dannata.

Liberale Io mi dico cristiano a modo mio, tu ti dirai cristiano a modo tuo, o qualcos’alto, non siamo qui a dar patenti di legittimità. La tua intuizione, il tuo fiore, è interessante e degno di essere coltivato, anche se diverso dal mio. Troviamo attraverso il dialogo un terreno comune per proseguire la ricerca insieme. Io ti mostrerò qualcosa della Bibbia, tu qualcos’altro, cerchiamo di imparare l’uno dall’altro e crescere insieme nel cammino

4] la libera e responsabile ricerca della verità e del significato della vita;

Fondamentalista La verità e una e una sola, è scritta nella Bibbia al versetto x ed è vera perchè lo dico io. La Bibbia è vera perchè lo conferma la stessa Bibbia al versetto Y

Liberale Certo dobbiamo trascendere il dato. Siamo insieme impegnati in una ricerca in cui l’ultima parola non è possibile in questa vita. Non perdiamo tempo ad insultarci l’un l’altro e cerchiamo insieme, se non la parola definitiva, un qualche progresso che possa venirci dal sereno e pacato confronto delle rispettive ricerche spirituali. Certo non possiamo dire tutto, ma possiamo dire molto, e sarebbe stupido non dire ciò che possiamo dire, solo perchè siamo impegnati a tirarci i capelli l’un l’altro. Non sprechiamo questa occasione di crescere insieme come genere umano

5] il diritto della coscienza e l’utilizzo del processo democratico nelle nostre congregazioni e nella società in generale;

Fondamentalista Ho ragione io, voi avete torto, non siete degni d’ascolto. Ma non vedete che la Bibbia al capitolo x versetto y mi dà ragione? La vostra opinione non mi interessa, non vi ascolto se rifiutate ciò che dico io della Bibbia

Liberale La mia e la tua interpretazione del testo hanno pari diritto, cerchiamo di ascoltarci e di imparare l’un l’altro. Cerchiamo di riconoscere alcuni Principi Base cui non venire mai meno nel nostro dialogo sulla Bibbia, il processo democratico il confronto pacifico, le regole per un buon dialogo… Lasciamo che questo sia prioritario rispetto a tutto il resto e dopo, solo dopo confrontiamo le interpretazioni. Se una interpretazione non rispetta questi 7 Principi Base, impariamo insieme a pensare che sia una cattiva interpretazione

6] l’obiettivo di una comunità globale con pace, libertà, e giustizia per tutti;

Fondamentalista Che soffrano tutti quelli che non la pensano come me! Sono falsi mendaci e dannati. Devo impegnarmi senza sosta a salvarne il più possibile, per gli altri… soffriranno per una loro scelta

Liberale Uno dei più grandi comandamenti che la Bibbia ci ha dato è quello di Amarci l’un l’Altro, senza distinzione di razza, cultura, colore o credo religioso. Cerchiamo di non fare i capricci e comportarci da adulti, impegnandoci affinchè tutti possiamo vivere più serenamente in questo mondo bellissimo che ci è stato donato

7] il rispetto per la rete interdipendente di tutta l’esistenza della quale facciamo parte.

Fondamentalista Solo la Bibbia mi porta la salvezza, solo la Bibbia mi interessa, fuori dalla Bibbia non c’è nulla, solo peccato, corruzione ed errore

Liberale Ogni esperienza che io posso fare del creato, ogni rapporto che io intrattengo con il mio prossimo, la vivo alla luce del fatto che siamo tutti fratelli, legati dalla comune dipendenza all’Origine, seppur dimostriamo questo legame in maniera diversa. Ogni esperienza è un’occasione che io ho per sentire fattivamente questo legame orizzontale con i fratelli e con il creato e verticale con il divino, non la devo sprecare con atteggiamenti miopi ed egoisti

Annunci